Pubblicazioni     

         
 

Iscritti
 Utenti: 966
Ultimo iscritto : Silvia1984
Lista iscritti

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 43
Membri : 0

Se vuoi ricevere la nostra newsletter devi essere un utente registrato
Iscriviti

microBox

Eventi
<
Agosto
>
L M M G V S D
-- -- -- 01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 --

Questo mese

Vetrina

 


Vetrina


 
LA QUERCIA MILLENARIA APRE IL SUO C.A.F.T. A ROMA - ROMASETTE.IT
Inserito il 10 novembre 2006 alle 23:17:17 da Romasette.it.

LA QUERCIA MILLENARIA APRE IL SUO C.A.F.T. A ROMA - ROMASETTE.IT

Venerdi 10 novembre - Romasette.it - La Quercia Millenaria apre il suo primo Centro di Aiuto per il Feto Terminale a Roma. Segue cliccando su "Dettagli"...

Si inaugura domenica 12 novembre dalle 15,30, il primo centro d’aiuto per il feto terminale a Roma, in via Varzi 3, a Palmarola, nelle vicinanze del Policlinico Gemelli. Uno spazio dedicato agli incontri con le famiglie e con gli specialisti della Quercia millenaria onlus, l’associazione nata dall’idea di Carlo e Sabina Paluzzi che hanno vissuto in prima persona l’esperienza di un feto dichiarato terminale dalla medicina ma che, pur con difficoltà, oggi vive e sorride ai suoi genitori.

«Gli ambienti sono piccoli: 60 metri quadri divisi in due stanze, una cucinetta e un salottino – racconta Giuseppe Noia, presidente del comitato scientifico della Onlus e specialista in medicina prenatale al Gemelli – e l’idea è quella di attrezzarli per far pernottare i parenti delle donne ricoverate negli ospedali romani provenienti da altre regioni, e sollevarli dalle spese dell’albergo». Intanto è un passo verso un aiuto concreto alle coppie che vivono quest’esperienza.

Domenica sarà un momento d’incontro per amici, conoscenti, coppie e tutti coloro «che amano difendere la vita», confida Giuseppe Noia. Due sacerdoti benediranno la casa di Via Varzi e si potrà sostenere l’attività dell’associazione con l’acquisto di un cd di musica dedicata alla famiglia. «L’attività della Quercia millenaria – continua il professore – sta crescendo quasi da sola, nonostante la onlus si autofinanzi: coincidenze, Provvidenza divina». L’inaugurazione del Caft, centro di aiuto per il feto terminale, e i vari incontri organizzati dalla onlus – il prossimo, il 13 dicembre, sarà dedicato alle malformazioni urinarie – è l’occasione per conoscere una realtà di fede e speranza, nascosta tra le pieghe di una sofferenza inaspettata che non è solo un problema privato. «La sofferenza del bambino e della famiglia è un problema della comunità – prosegue Noia –. È un cammino difficile da compiere. Nel tempo, però, è profondamente diverso soffrire dando amore o soffrire togliendo amore. Leggevo sul Times online dello scorso 27 ottobre una ricerca sui casi di depressione post aborto: ecco l’incidenza è di tre o quattro volte superiore rispetto alle donne che non hanno compiuto una scelta simile».

Nei tre anni di attività dell’associazione, da quando la storia di Giona, figlio dei coniugi Paluzzi, ha spinto i genitori a confrontarsi con le coppie che hanno vissuto vicende simili, sono già stati organizzati tre incontri di confronto tra medici e famiglie. «Perché anche l’aspetto medico è importante», riprende il professore. Parlare, oggi, di diagnosi prenatale non vuol dire soltanto individuare le malattie per eliminare un feto imperfetto. La diagnosi prenatale, infatti, «deve essere finalizzata all’aiuto e al sostegno del feto e dei genitori. Si può tradurre in medicina etica l’insegnamento della Chiesa».

Noia, inoltre, riporta i dati relativi all’incremento degli aborti terapeutici tra il 1981 e il 2003: «Sono quintuplicati, in parallelo allo sviluppo della medicina prenatale». Invece, con spontaneità e fede, grazie all’aiuto della medicina e all’accompagnamento di sacerdoti, psicologi e famiglie che hanno già vissuto quest’avventura, si può cercare di essere genitori anche nel periodo dell’attesa e amare quel figlio anche nella sua disabilità.

10 novembre 2006
www.romasette.it


I nostri banner

 
 © La Quercia Millenaria 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.6 derivato da ASP-Nuke v1.2
creato da tntlab ottimizzato per internet explorer
RINGRAZIAMENTI

Questa pagina è stata eseguita in 8,789063E-02secondi.
Versione stampabile Versione stampabile
nel nostro sito si parla di gravidanza patologica e cura del feto terminale. i nostri specialisti operano terapia fetale invasiva in gravidanza con patologie fetali; alcune patologie sono agenesia renale, ostruzione renale, displasia polmonare, agenesia polmonare ma anche anencefalia. ci troviamo di fronte a un feto con patologie oppure patologie materno fetali.E' importante il rapporto medico paziente specie con il chirurgo fetale. Al policlinico Gemelli, il prof. Noia,collabora presso centro per i feti terminali. Il nostro centro di aiuto con una rete di famiglie e una rete di specialisti - specialisti in chirurgia, pediatria, psicologia, sostegno della coppia- si occupano anche di aborto terapeutico, spina bifida, feto polimalformato e gravidanza patologica amniocentesi. Seguiamo casi di ipoplasia polmonare, displasia renale ed idronefrosi o anche idrope fetale, gozzo fetale, ernia diaframmatica, piede torto. E' importante diagnosi prenatale, un centro di neonatologia, di pediatria, e urologia, per seguire le malformazioni urinarie, le infezioni delle vie urinarie(nell'uretere, uretra, reni, vescica, in caso di rene displastico oppure ipertono vescicale o fimosi, ipospadia,ma anche di epispadia); altri problemi sono idrocefalia ma anche acrania o anencefalia.Casi frequenti di trap sequence, twin twin transfusion syndrome(detta anche ttt-s o trasfusione feto fetale) e cardiopatia fetale.