Pubblicazioni     

         
 

Iscritti
 Utenti: 967
Ultimo iscritto : namia86
Lista iscritti

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 53
Membri : 0

Se vuoi ricevere la nostra newsletter devi essere un utente registrato
Iscriviti

microBox

Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- -- 01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 -- -- -- -- --

Questo mese

Vetrina

 


Vetrina


 
La sindrome post-aborto finisce sul New York Times
Inserito il 28 dicembre 2007 alle 19:40:26 da Il Foglio del 23-11-.

La sindrome post-aborto finisce sul New York Times

Di sindrome post aborto Rhonda Arias non aveva mai sentito parlare.
Sapeva soltanto che la sua era una vita segnata dalla depressione, dall'abuso di alcol e di cocaina e da un tentativo di suicidio, dal quale si salvò quindici anni fa.
Fu allora, racconta sull'ultimo New York Times Magazine, che arrivò l'illuminazione.
Che capì il nome e l'origine di quel male cupo e feroce che le pesava sul cuore e sui pensieri.
E fu allora che decise quale sarebbe stata la strada che le avrebbe fatto fare la pace con se stessa e con i suoi molti bambini non nati.
Diventata predicatore evangelico, decise di aiutare le donne che, come lei, non avevano mai smesso di portare un lutto inesprimibile, negato al mondo e dal mondo, nascosto anche a se stesse.
La sua storia, e la descrizione della sua vita di "consulente per il recupero post aborto", é il filo conduttore del lungo articolo del NYT, che fin dal titolo si chiede se esista poi davvero, questa sindrome post aborto.
E' un'invenzione degli antiabortisti, secondo la posizione senza appello del mondo pro-choice, oppure é qualcosa che merita di essere finalmente riconosciuto?
La questione non é soltanto accademica.
Non lo é soprattutto negli Stati Uniti, dove le piú recenti polemiche sulla revisione della legislazione abortista nata dalla famosa sentenza Roe vs Wade considerano, oppure negano, l'emergere del trauma post aborto come malattia grave e devastante.
Ci si interroga, per esempio, sull'opportunità di segnalarla o meno come rischio alle donne che chiedono l'interruzione volontaria di gravidanza, con i conseguenti malumori di coloro che temono l'introduzione di limitazioni legali a quella che l'ordinamento americano garantisce come libertá praticamente senza limiti.
La sindrome post aborto, se é una malattia, per ora non dispone comunque né di portavoce celebri né é oggetto di film o di programmi televisivi, dice Theresa Burke, fondatrice di Rachel's Vineyard Ministries, luogo di ritiro dove si organizzano incontri con donne sofferenti per trauma da aborto.
Con David C. Reardon, la Burke ha scritto "Forbidden grief. The unspoken pain of abortion", dove racconta molte delle storie di dolore emerse durante quegli incontri. All'agenzia Zenit, che l'aveva intervistata qualche settimana fa, la Burke aveva detto che "quando una madre viene bruscamente e violentemente staccata dal figlio si verifica necessariamente un trauma", perché "l'aborto é un'esperienza di morte. E' il tramonto del potenziale umano, della responsabilitá, del senso materno, della relazione con l'altro e dell'innocenza. Una perdita di questo tipo raramente viene vissuta senza conflitto e contrasto interiore".
"Non é cosí", scrive tuttavia il New York Times, "per la maggioranza dei ricercatori e degli epidemiologi".
Ed enumera i molti studi che contestano l'idea che l'aborto possa aumentare il rischio di depressione, di abuso di psicofarmaci e di alcol, oppure che incentivi la possibilitá di cadere in altri e non meno gravi disturbi psicologici.
"Non piú", dicono, "anzi meno di quanto tutto questo non possa avvenire in seguito a una gravidanza indesiderata".
Nel 1989, un gruppo di esperti convocato dalla American psychological association ha concluso unanimemente che l'a-borto, entro i limiti della legalitá, "per la maggior parte delle donne che vi ricorre, non crea rischi di natura psicologica".
Ma ora di sindrome post aborto come problema sul tappeto parla anche il liberal (e naturalmente pro-choice) New York Times, e annuncia che per il 2008 é attesa una nuova valutazione di tutta la letteratura scientifica sul tema.

da "Il Foglio" del 23-1-07




I nostri banner

 
 © La Quercia Millenaria 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.6 derivato da ASP-Nuke v1.2
creato da tntlab ottimizzato per internet explorer
RINGRAZIAMENTI

Questa pagina è stata eseguita in 0,0625secondi.
Versione stampabile Versione stampabile
nel nostro sito si parla di gravidanza patologica e cura del feto terminale. i nostri specialisti operano terapia fetale invasiva in gravidanza con patologie fetali; alcune patologie sono agenesia renale, ostruzione renale, displasia polmonare, agenesia polmonare ma anche anencefalia. ci troviamo di fronte a un feto con patologie oppure patologie materno fetali.E' importante il rapporto medico paziente specie con il chirurgo fetale. Al policlinico Gemelli, il prof. Noia,collabora presso centro per i feti terminali. Il nostro centro di aiuto con una rete di famiglie e una rete di specialisti - specialisti in chirurgia, pediatria, psicologia, sostegno della coppia- si occupano anche di aborto terapeutico, spina bifida, feto polimalformato e gravidanza patologica amniocentesi. Seguiamo casi di ipoplasia polmonare, displasia renale ed idronefrosi o anche idrope fetale, gozzo fetale, ernia diaframmatica, piede torto. E' importante diagnosi prenatale, un centro di neonatologia, di pediatria, e urologia, per seguire le malformazioni urinarie, le infezioni delle vie urinarie(nell'uretere, uretra, reni, vescica, in caso di rene displastico oppure ipertono vescicale o fimosi, ipospadia,ma anche di epispadia); altri problemi sono idrocefalia ma anche acrania o anencefalia.Casi frequenti di trap sequence, twin twin transfusion syndrome(detta anche ttt-s o trasfusione feto fetale) e cardiopatia fetale.