Pubblicazioni     

         
 

Iscritti
 Utenti: 956
Ultimo iscritto : Antonellaizzo
Lista iscritti

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 24
Membri : 0

Se vuoi ricevere la nostra newsletter devi essere un utente registrato
Iscriviti

microBox

Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 -- -- --

Questo mese

Vetrina

 


Vetrina


 
STORIA DI GIONA
Inserito il 08 aprile 2006 alle 23:50:42 da Sabrina e Carlo Palu.

STORIA DI GIONA (Sabrina e Carlo Paluzzi)

Quando rimasi incinta del mio terzo figlio, vivevo assieme a Carlo un periodo spiritualmente stupendo.

Era diverso tempo, che ci eravamo abbandonati all'opera creatrice di Dio, circa la nostra vita matrimoniale, e non prendevamo nessun tipo di precauzione. Covavo dentro di me una sorta di gestazione ideale.

A sorpresa, e stranamente, non ne ero spaventata. Questo mi stupiva, perchè nella seconda gravidanza ero entrata in forte conflitto, e l'avevo vissuta con molta pesantezza.

Quel giorno di Natale ebbi la percezione che qualcosa di stupendo per la mia vita iniziasse a prendere forma.

Feci il test così precocemente che non risultò nulla, ma ripetendolo dopo qualche giorno, venne positivo!

Eravamo così felici... Abbiamo telefonato a tutti, e nostra figlia maggiore (Priscilla, all’epoca 5 anni e mezzo), non stava più nella pelle, e anche lei diceva alle amichette: "Aspettiamo il terzo!"

Insomma, una vera festa, anche se ci poneva l'eterno problema della nostra casa di 50 mq, della Fiat Panda non ancora pagata del tutto, del mio lavoro part time, e di quello ancora precario di Carlo. Ma avevamo fiducia. Qualcuno la chiamerebbe fede... Era quella sorta di abbandono filiale, nei confronti di un Padre che aveva provveduto in ogni momento, nel nostro matrimonio. Era la cieca sicurezza che questo Padre avrebbe fatto questa altra storia meglio di noi, ancora una volta. Era la voglia di andare ancora oltre le nostre forze, oltre i nostri limiti, e lasciar fare a Lui. E uscirne di nuovo con più fede di prima.

A chiunque tentava di terrorizzarci, costringendoci a prevedere il futuro economico dei nostri figli, rispondevamo: "Dio provvede".


Oggi che scrivo, realizzo che abbiamo una monovolume nuova di zecca; mio marito è stato assunto a tempo indeterminato, nel momento in cui avevamo più bisogno di certezze e di stabilità.

Al lavoro, subii una vera aggressione verbale, perchè in tredici anni di (onorato) servizio, avevo osato mettere al mondo tre figli. Ma io ero felice come una pasqua, e certo non mi sentivo in colpa per aver accolto dentro di me, un'altra vita voluta dal Signore su questa terra!

I soliti problemi iniziali di minacce d'aborto, le solite precauzioni... Un mese a letto, qualche problema di ordine pratico; ma al quarto mese, già conducevo una vita normale. Non avevo neanche le contrazioni che nella precedente gravidanza, mi avevano costretta ad assumere dei farmaci.

Qualche nausea di troppo, ed una spiccata propensione a vedere il mondo "in celeste", mi avevano convinta che stavolta, dopo due femminucce, forse era in arrivo un cucciolo di natura diversa!

Ero felice. Fino all'ecografia morfologica della 21ma settimana.

Tutte le mamme si avvicinano a questa ecografia con un pò di apprensione. Vennero anche Carlo e Priscilla. Era così curiosa di vedere un bimbo nella pancia, e poi voleva sapere a tutti i costi di che sesso fosse.

La dottoressa della Asl fece entrare prima me soltanto, con gran disappunto di tutti noi. Quando il suo esame raggiunse la mezz'ora, cominciai ad entrare in ansia. E poi era così seria e scostante. Perchè non era rassicurante e brava come i dottori dei centri privati? Mi pentii all’istante di non aver investito quella bella somma per una ecografia a pagamento.

Appena entrarono Carlo e Priscilla, esordì: "C'è qualche problema." Io sentii una morsa allo stomaco, e mentalmente rividi tutto l'esame. La testa sembrava delle dimensioni giuste, aveva due mani, due piedi... cosa poteva essere che non andava?

Iniziò a spiegare, cercando di descrivere ciò che vedeva: il bambino aveva una vescica enorme, ureteri dilatati, reni dilatati, non c'era più traccia di liquido amniotico (ma lei, signora, ha per caso avuto delle perdite continue di liquido? Ma no, no, me ne sarei certo resa conto!). C'era qualche malformazione di tipo urinario, ci consigliò di andare in un centro di secondo livello, per una diagnosi più precisa. Arrivederci, auguri.

Dolore, sgomento, terrore; perchè? Che cos’ha? Si può risolvere? Non sapevamo neanche se fosse maschio o femmina. L'assenza di liquido lo aveva costretto in una posizione trasversale, dalla quale non poteva girarsi. E Priscilla che non aveva capito niente, e sbuffava, perchè voleva sapere il sesso del piccolo per poter scegliere insieme a noi il nome. Ed io che dovevo continuare a fare le cose di sempre, andare a prendere a casa di mia madre l'altra nostra figlia, Vivian, allora di 2 anni, quando avrei voluto solo rannicchiarmi dentro il letto, e dormire fino al giorno dei nuovi esami. Ma proprio le mie figlie e la quotidianità mi costringevano a vivere, anche se per me la vita si era fermata in una attesa, piena di immagini spettrali e di incognite.

E arrivò quel mattino. Andammo io e Carlo, accompagnati spiritualmente dalle numerose preghiere della nostra comunità di fede. Viviana, una giovane sorella di comunità, laureanda in pediatria proprio nel presidio in cui avrei fatto quegli accertamenti, sarebbe venuta a dare un'occhiata.

Quando arrivò, mi buttai singhiozzando tra le sue braccia. Avevano confermato tutto. Anzi, sembrava che nel frattempo la vescica si fosse rotta per la troppa pressione. Maschio o femmina che fosse, aveva una ostruzione urinaria che gli aveva compromesso tutto l'apparato. Possibilità di sopravvivenza, nessuna. Sarebbe morto in utero, o, al massimo, sarebbe arrivato a nascere, ma morto subito dopo, per l'impossibilità di sviluppare i polmoni, vista l'invasione di liquido che lui continuava a bere, e che si riversava nel torace e nel pericardio. Senza contare che, in assenza di liquido amniotico, lui non poteva muovere gli arti, per cui anche la capacità motoria sarebbe stata irrimediabilmente compromessa.

"Signora, le consiglierei di abortire, anche se, capisce, a quest'epoca gestazionale si tratta di affrontare un travaglio vero e proprio; la legge non consente l'aborto per un feto così grande...". Il medico parlava, ma quello che diceva, per me, non aveva senso. Aborto, legge, feto... il mio bambino è vivo, e non sa di essere un condannato a morte. Il mio bambino è vivo. E' vivo, respira. Il mio bambino non ha bisogno di una mamma che lo fa smettere di vivere. Io voglio che il mio bambino muoia dentro di me, nel posto migliore dove morire, non in una sala operatoria, dove nessuno gli attaccherà un respiratore appena nato, per salvargli la vita. Il ricordo di mio figlio non sarà il ricordo di un aborto.

Andiamo via, Carlo, ti prego, andiamo a casa.

Abbiamo pianto, pregato. Carlo lo ha detto a tutti; per due giorni non ho voluto parlare al telefono con nessuno.

A Priscilla abbiamo spiegato la verità, nel modo più comprensibile per una bambina di quella età. Fortunatamente, una bambina nata e cresciuta in un ambiente dove, parlare di Dio, fa parte del quotidiano e non scandalizza nessuno. Le abbiamo detto che questa vita era per il Cielo, non per la Terra. Che in Cielo c'era bisogno di un Angelo che pregasse per i bambini più sfortunati. Che il Signore ci avrebbe donato altre vite, ma che ora dovevamo essere generosi, e lasciare che questo bimbo tornasse a Dio, perché era a Lui che apparteneva.

Le abbiamo detto che poteva anche sentirsi triste e piangere, anche alla mamma succedeva; ma che quando era triste doveva parlare con Dio, e chiedere che fosse Lui a consolarla, perchè le preghiere dei bambini, sono prioritarie agli occhi del Signore.

E così iniziò il periodo dell'attesa. L'unico modo che avevo di capire quando fosse il momento di separarmi dal mio piccolo, era controllare che si muovesse.

Quando iniziai a raccontare come stavano le cose, a tutti quelli che prima o poi mi avrebbero chiesto che fine avesse fatto la mia pancia, iniziò il periodo più duro... avevo dalla mia parte solo nove anni di un cammino di fede, nei quali avevo fatto esperienza di Dio sotto molti aspetti. Non ero mai stata una persona molto pia, ma avevo acquisito alcune certezze. Prima fra tutte, che Dio è mio Padre. Che mi ama di un amore immenso. Che la Croce si affronta appoggiandosi alla preghiera. Che la sofferenza ha un valore enorme, che produce frutti spirituali. Che Dio non permette che tu abbia una Croce più grande di quella che puoi umanamente sopportare. E soprattutto: che Cristo è risuscitato dai morti, e che proprio Lui mi avrebbe dato lo Spirito per entrare dentro questa Morte, e per rinascere come persona nuova.

Dare testimonianza di questo non è stato facile, perchè dovevo aiutare la gente ad entrare in questa sofferenza, quando questa era motivo di scandalo anche per me!

Nessuno si risparmiava di dire la sua. Fui compatita, da alcuni ammirata, quasi temuta, chiacchierata, forse derisa. I vicini di casa, le mamme dei compagni delle mie figlie, tutte parlottavano tra loro quando mi vedevano arrivare col mio pancione. Ero portatrice di morte. Ma io sentivo di gestare una creatura speciale, e la sua vita di cristallo mi donava una sorta di elevazione e una forza che mai, avrei sospettato di possedere. Avevo detto "Amen". Niente e nessuno avrebbe potuto spaventarmi. Ero pronta ad attraversare la morte, sapevo che col Signore al mio fianco, le onde non mi avrebbero sommersa. Aggrappata al legno della Croce, sarei rimasta a galla.

Persino mia madre mi supplicava di abortire. "Lìberati" mi diceva, "tanto ti hanno assicurato che non ci sono speranze; pensa se per assurdo arrivi alla fine della gestazione… sta iniziando il caldo, perchè devi soffrire così? Rischi pure una setticemìa, hai altre due figlie, ma non pensi ai rischi che corri?". Mamma, non insistere. Lo porto avanti, a costo di morire con lui. Io su questa vita, non metto le mani".

La mattina, ancor prima di aprire gli occhi, scendevano le lacrime. Non appena realizzavo che non era stato solo un brutto sogno, il mio bambino davvero doveva morire, la sofferenza mi attanagliava l'anima e il cuore. Facevo uno sforzo enorme, per vestire le piccole, baciarle prima di mandarle a scuola; non appena uscivano con Carlo, cominciavo a singhiozzare, ed a chiedermi in quale modo avrei passato quella giornata. Poi il mio piccolo iniziava a dare qualche lieve colpetto; quello che poteva, considerata la situazione... e cominciavo a parlare con lui; a chiedergli di essere forte e di dare anche a me quella forza... Telefonavo a qualche sorella di comunità per cercare una parola, un pò di conforto. Solo loro la pensavano come noi; "questa vita è comunque preziosa; tenete duro, il Signore vi è accanto; coraggio, fratelli, stiamo pregando tutti per voi"... Ma la mia unica fonte di ossigeno si rivelava il Rosario, scoperto proprio in quel frangente. Mi donava tanta pace. Me lo avevano detto in tanti, ma ero troppo pigra per provare. Tutte quelle preghiere sempre uguali, recitate mentre pensavi ad altro. Che senso poteva avere?

Non avrei mai immaginato si potessero recitare cinquanta Ave Maria tutte diverse, con una intensità, con un fervore così... Il Rosario mi donava una pace profonda che durava qualche ora. Poi dovevo recitarlo di nuovo...

Dopo una settimana, Viviana, la studentessa in pediatria, si presentò con un biglietto. "Ho navigato in internet. Al Policlinico Gemelli c'è un certo Prof. Noia che ha fatto degli interventi in utero, in patologie simili a quella del tuo bambino. E' una cosa sperimentale, ma ci sono stati dei successi. Dall’equipe di ginecologia hanno risposto ad una mia e-mail. Prova a telefonare, vai a parlare con lui."

Fu come se un Angelo mi carezzasse la testa. C'era qualcosa in quel biglietto, in quella situazione... qualcosa che parlava proprio a me. Vai. VAI! Male che vada, entrerai in una pace ancora più grande. Potrai dire a te stessa che hai tentato tutto, ma proprio tutto. Sia fatta la volontà di Dio.

Carlo cercava di mitigare le mie speranze. Temeva che se si fosse rivelato un flop, avrei sofferto ancora di più. Ma io mi sentivo positiva. Pensavo che Dio non mi avrebbe fatto vedere una torta, senza farmene assaggiare un pezzetto, non era certo un Padre crudele. Quella era la mia ultima spiaggia.

Il mattino dopo chiamai il Day Hospital. "Il professore è in ferie, ma riprende servizio domani. Richiami."

Così feci, e dopo varie peripezìe e attese, riuscii a parlare proprio con lui.

"Professore, mi chiamo Sabrina. Sono incinta di cinque mesi; ho fatto la morfologica, e hanno diagnosticato al mio piccolo una ascite urinaria e un'idrope fetale. Dicono che non ci sono speranze, e mi hanno consigliato di abortire. Io ho deciso di portare comunque avanti la gravidanza, ma vorrei tentare il tutto per tutto. Ho visto su Internet che, in casi simili, c'è la possibilità di tentare qualche intervento e che forse proprio lei può fare qualcosa..."

"Prima di tutto non dire che non ci sono speranze, perchè ora sei nelle mie mani e voglio tentare il possibile per aiutare questo figlio". Scoppiai a piangere... "E poi, Sabrina, complimenti, perchè trovare mamme che accompagnano i loro figli fino alla fine è veramente bellissimo. Vedrai che il Signore in qualche modo ti consolerà. Vieni domani, e porta tutti gli esami che hai fatto finora...".

Continuai a piangere ancora, dopo aver riattaccato. Mi sentivo amata e capita.

Parlando di lui, scoprii che era molto rinomato anche all'estero, ma pieno di umiltà e di amore per la vita. Una persona di grande fede e spessore umano, completamente dedito al lavoro, che viveva come una missione donatagli da Dio. Un medico al servizio della vita. Non vedevo l'ora di vedere che faccia avesse... E che faccia poteva avere? Quella di uno zio dolce e bonario, la voce pacata. Una stretta di mano piena di affetto. Tanta verità nelle sue parole e tanto amore nel dare le notizie anche più tristi. Ci spiegò subito che la situazione era molto grave. Ci disse che erano solo 10 i tentativi fatti, in passato, per quell'intervento; consisteva nell'introdurre nell'addome del feto un catetere chiamato "shunt", dal quale lui poteva urinare, e subito dopo la nascita avrebbe dovuto fare un altro intervento, per togliere l'ostruzione che era alla radice di tutto. Avrebbero dovuto farmi una infusione di soluzione fisiologica nell'utero, per ripristinare una situazione fetale di normalità, per riformare liquido amniotico. E comunque, solo tre di quei bambini erano sopravvissuti a tutto l'iter, oltre il primo anno di vita. Gli altri non ce l'avevano fatta, a causa dell'insufficienza renale.

Era una strada difficile e con scarse possibilità di successo. Mi avrebbe quindi capita, se avessi rifiutato. Accettando, avrei dovuto affrontare un pre-intervento, che consisteva nel prelevare il liquido che stava nell'addome del bambino, per esaminarlo. Se fosse venuto fuori che il piccolo aveva delle malformazioni genetiche gravi, o delle infezioni compromettenti per la sua sopravvivenza, non avremmo proseguito con l'intervento, perchè, ci spiegò il Professore, "io non faccio sperimentazione sui bambini, nè accanimento terapeutico". Se invece tutto avesse mostrato un risultato favorevole ad una vita normale, saremmo andati avanti.

"Oggi l'intervento non te lo posso fare, sono troppo triste per la morte del mio Padre Spirituale; pensaci e fammi sapere domani, cosi dopodomani eventualmente procediamo".

"Ci vediamo dopodomani per l'intervento, Professore". E Carlo: "Amore, sei sicura? Non vuoi che ne parliamo un pò?". "E di che dobbiamo parlare? C'è questa possibilità, per me è abbastanza e voglio tentare. Ci vediamo dopodomani".

E così andammo avanti. Effettuammo un triplice intervento: pielocentesi, cistocentesi e paracentesi. Fu lungo e doloroso. Il bambino aveva più di 300 cc di liquidi riversati nell'addome e nel pericardio, un piedino torto, un idrocele al testicolo... Ma stavamo andando avanti. Nel primo pomeriggio tornai a casa, con la raccomandazione di stare una settimana a letto, e di prendere dei farmaci. Tre giorni dopo sarebbe stato il mio compleanno. Signore, fammi questo regalo...

Una settimana dopo, eravamo lì. Venne il Professore con i referti. "Il bambino è potenzialmente sano. C'è qualche elettrolìto sballato, ma direi che è il minimo. Penso che potremo andare avanti, ma ora vieni. Voglio farti un’ ecografia". E lì, un duro colpo... Era nuovamente pieno di liquido, anche peggio della volta precedente. Addirittura si vedeva un principio di scompenso cardiocircolatorio..."No, Sabrina. Non posso mettere le mani su un bambino così compromesso. Mi dispiace. Lo accompagneremo fino alla fine".

Nuove lacrime di dolore, nuovo lutto da elaborare, in attesa del dolore più grande... Ma ero già pronta. Già sapevo in quale modo avrei potuto sopravvivere a tutto questo. Nello stesso modo di una settimana prima.

"Quanti giorni pensa che questo bimbo possa resistere, Professore?".

"Penso che tra sette giorni al massimo ci vedremo di nuovo... Fàtti coraggio, figlia mia.".

Iniziò così un conto alla rovescia, terribile e struggente al tempo stesso.

Ogni giorno era un giorno regalato. Oggi si muove... Grazie, Signore mio, per avermelo donato anche oggi.

Nel frattempo, cercavo di informarmi se c'era un ospedale, che mi potesse garantire una anestesia epidurale, per risparmiarmi almeno il dolore del travaglio. Era quella, infatti, la cosa che più mi terrorizzava: aggiungere dolore al dolore. Ma non è possibile, in quel frangente ottenere una anestesia. La paura mi annientava, e allo stesso tempo subentrava la rassegnazione. Va bene. Devo soffrire? Soffrirò. Ne ho partorite altre due, no? Quanto devo soffrire? Cinque ore, dieci ore? Ti dò tutto, Dio mio. Ti dono tutto. Ma tu aiutami a sopravvivere a questo dolore.

E i giorni passavano. Sette, otto, dieci, quindici, venti... E lui si muoveva sempre di più...

Possibile che stia bene? E' solo un'illusione o non è più di traverso? Io sento come se la sua testa spingesse sulla mia vescica... E questi sotto le costole, che fanno di qua e di là, non sono i piedini?

Cavolo, ne ho gestate altre due, certe cose si riconoscono... Possibile...?...

Al 23mo giorno, (ero ormai arrivata alla fine del 6^ mese), richiamai il Professore. Lui si stupì enormemente, di sapermi ancora in quello stato. Pensava fosse tutto finito. Mi chiese di andare il giorno dopo, voleva capire cosa fosse mai successo.
Andammo, pieni di curiosità e speranza. Non troppa, a dire il vero…

Come d’abitudine, facemmo le lodi in macchina. La lettura del giorno era estratta dal “libro di Giuditta”… il nome che avremmo dato al bambino se fosse stata una femmina… ci sembrò come un segno…

Lessi la lettura ad alta voce, mentre Carlo era alla guida:

“Ricordatevi che i vostri padri furono messi alla prova per vedere se davvero temevano il loro Dio. Ricordate come fu tentato il nostro padre Abramo e come proprio attraverso la prova di molte tribolazioni egli divenne l’amico di Dio. Così pure Isacco, così Giacobbe, così Mosè e tutti quelli che piacquero a Dio furono provati con molte tribolazioni e si mantennero fedeli”.

Ammutolimmo, stupìti… parlava a noi, il Signore? Quella Parola, sarebbe diventata carne nella nostra vita?

Arrivammo al Gemelli. All’ingresso c’era sempre quel quadro meraviglioso di Pier Augusto Breccia, che ha come titolo “Resurrexit”…Ebbi un brivido. Ci dirigemmo al Day Hospital e salutammo il Professore.


PAG. 1 di 3:
(SEGUE CLICCANDO LA FRECCINA QUI A DESTRA, IN BASSO)----------------------------------------------->

 
  STORIA DI GIONA (Sabrina e Carlo Paluzzi) >>

I nostri banner

 
 © La Quercia Millenaria 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.6 derivato da ASP-Nuke v1.2
creato da tntlab ottimizzato per internet explorer
RINGRAZIAMENTI

Questa pagina è stata eseguita in 0,125secondi.
Versione stampabile Versione stampabile
nel nostro sito si parla di gravidanza patologica e cura del feto terminale. i nostri specialisti operano terapia fetale invasiva in gravidanza con patologie fetali; alcune patologie sono agenesia renale, ostruzione renale, displasia polmonare, agenesia polmonare ma anche anencefalia. ci troviamo di fronte a un feto con patologie oppure patologie materno fetali.E' importante il rapporto medico paziente specie con il chirurgo fetale. Al policlinico Gemelli, il prof. Noia,collabora presso centro per i feti terminali. Il nostro centro di aiuto con una rete di famiglie e una rete di specialisti - specialisti in chirurgia, pediatria, psicologia, sostegno della coppia- si occupano anche di aborto terapeutico, spina bifida, feto polimalformato e gravidanza patologica amniocentesi. Seguiamo casi di ipoplasia polmonare, displasia renale ed idronefrosi o anche idrope fetale, gozzo fetale, ernia diaframmatica, piede torto. E' importante diagnosi prenatale, un centro di neonatologia, di pediatria, e urologia, per seguire le malformazioni urinarie, le infezioni delle vie urinarie(nell'uretere, uretra, reni, vescica, in caso di rene displastico oppure ipertono vescicale o fimosi, ipospadia,ma anche di epispadia); altri problemi sono idrocefalia ma anche acrania o anencefalia.Casi frequenti di trap sequence, twin twin transfusion syndrome(detta anche ttt-s o trasfusione feto fetale) e cardiopatia fetale.