Pubblicazioni     

         
 

Iscritti
 Utenti: 967
Ultimo iscritto : namia86
Lista iscritti

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 47
Membri : 0

Se vuoi ricevere la nostra newsletter devi essere un utente registrato
Iscriviti

microBox

Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 --

Questo mese

Vetrina

 


Vetrina


 
Una mamma della Quercia scrive a Giuliano Ferrara
Inserito il 05 aprile 2008 alle 12:16:45 da Staff.

Una mamma della Quercia scrive a Giuliano Ferrara

Egregio sig. Ferrara,
ieri mattina, leggendo su un manifesto affisso nella mia città le liste dei candidati all'elezione alla Camera dei deputati, ho scoperto che il suo giorno di nascita è il 7 gennaio.
Questa è una bella coincidenza per lei.
Sì, perchè all'alba dello scorso 7 gennaio nella sala parto "Camelia" del Policlinico Gemelli di Roma è nata prematuramente, con parto spontaneo, la mia quarta figlia, Agnese. E' nata, è stata battezzata e poi è salita
subito in Paradiso, da Colui che ce l'aveva donata. Agnese aveva la trisomia 18 che le ha causato un ritardo di crescita e l'atresia dell'esofago. Era un "feto terminale". Per tale motivo è stata considerata da molti medici una vita inutile. Tutti ci hanno consigliato di abortire, o al massimo ci hanno detto di rispettare un'eventuale scelta diversa da
parte nostra, ma di non poter più, in tal caso, seguire la mia gravidanza. Lasciandomi sola. Ci chiedevano che dubbio avessimo, visto che su un feto terminale non dovrebbero esserci problemi etici. Noi però un dubbio lo abbiamo avuto: quello di non poterci sostituire a Dio, datore della vita, e di non avere il potere di decidere quando il cuore di nostra figlia avrebbe dovuto cessare di battere. Nella dolorosa decisione di abbracciare questa croce e di accompagnare Agnese, figlia di Dio, prima che nostra, nella breve esistenza a cui era chiamata, siamo stati "presi per mano" dal Prof. Noia, responsabile della diagnosi e terapia prenatale del Policlinico Gemelli e da "La quercia millenaria", l'Associazione di cui è
vice presidente, la quale ha istituito un centro di aiuto per il feto terminale e che tutela i genitori che compiono questa scelta d'amore sostenendo che l'aborto "terapeutico" non è l'unica soluzione quando si concepisce un figlio non sano.
Il Prof. Noia non ha mai pensato che nostra figlia fosse una vita inutile.
E' stato l'unico medico che l'ha considerata "preziosa davanti agli occhi di Dio" e che ci ha detto che la mia gravidanza aveva la stessa dignità delle altre.
Ed ora, sig. Ferrara, dopo la nascita e morte di Agnese le confermo di essere convinta anche io che la sua breve esistenza non sia stata vana.
Con stupore scopro ogni giorno che molti pregano per lei, la ricordano durante la Messa, visitano e curano la sua tomba, le chiedono preghiere di intercessione presso Dio. Tutto ciò mi commuove. Sono molto orgogliosa di essere io sua madre. E se avessi interrotto la gravidanza e mia figlia fosse stata gettata nei "rifiuti speciali?" Per il mondo sarebbe stata un nulla. Ed io avrei terminato di vivere.
Le donne che sui manifesti elettorali scrivono "Sono donna e sono incazzata perchè vogliono impedirmi di esercitare un mio diritto con la scusa di turbare la mia coscienza" non sanno bene ciò che affermano. Le donne che si battono per difendere questo diritto di uccidere non mi fanno
sentire più donna, mi offendono, mi sviliscono. E offendono il dono più grande che hanno ricevuto: quello di poter diventare madri. E di poter gestare un prezioso angelo come Agnese. La mia gravidanza sofferta (ho versato fiumi di lacrime) non può essere stata inutile, Agnese non è inutile, non posso crederlo. La sua esistenza è piuttosto una missione.
Forse quella di proteggere tutti coloro che difendono la vita. Come sta facendo ora lei.
Sig. Ferrara è fortunato ad avere in comune con Agnese il giorno di nascita. Vede, io non so se lei abbia fatto bene o male a presentare una propria lista, però una cosa la so: il caso non esiste.

Lara Di Sante, San Benedetto del Tronto (AP)


I nostri banner

 
 © La Quercia Millenaria 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.6 derivato da ASP-Nuke v1.2
creato da tntlab ottimizzato per internet explorer
RINGRAZIAMENTI

Questa pagina è stata eseguita in 6,445313E-02secondi.
Versione stampabile Versione stampabile
nel nostro sito si parla di gravidanza patologica e cura del feto terminale. i nostri specialisti operano terapia fetale invasiva in gravidanza con patologie fetali; alcune patologie sono agenesia renale, ostruzione renale, displasia polmonare, agenesia polmonare ma anche anencefalia. ci troviamo di fronte a un feto con patologie oppure patologie materno fetali.E' importante il rapporto medico paziente specie con il chirurgo fetale. Al policlinico Gemelli, il prof. Noia,collabora presso centro per i feti terminali. Il nostro centro di aiuto con una rete di famiglie e una rete di specialisti - specialisti in chirurgia, pediatria, psicologia, sostegno della coppia- si occupano anche di aborto terapeutico, spina bifida, feto polimalformato e gravidanza patologica amniocentesi. Seguiamo casi di ipoplasia polmonare, displasia renale ed idronefrosi o anche idrope fetale, gozzo fetale, ernia diaframmatica, piede torto. E' importante diagnosi prenatale, un centro di neonatologia, di pediatria, e urologia, per seguire le malformazioni urinarie, le infezioni delle vie urinarie(nell'uretere, uretra, reni, vescica, in caso di rene displastico oppure ipertono vescicale o fimosi, ipospadia,ma anche di epispadia); altri problemi sono idrocefalia ma anche acrania o anencefalia.Casi frequenti di trap sequence, twin twin transfusion syndrome(detta anche ttt-s o trasfusione feto fetale) e cardiopatia fetale.