Pubblicazioni     

         
 

Iscritti
 Utenti: 956
Ultimo iscritto : Antonellaizzo
Lista iscritti

Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

Visitatori
Visitatori Correnti : 42
Membri : 0

Se vuoi ricevere la nostra newsletter devi essere un utente registrato
Iscriviti

microBox

Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 -- -- --

Questo mese

Vetrina

 


Vetrina


 
31 maggio 2006
Inserito il 26 maggio 2006 alle 15:07:23 da Staff.

II MEETING ESPERIENZIALE LA QUERCIA MILLENARIA - Il feto terminale: la testimonianza si fa servizio

"Il feto terminale: la testimonianza si fa servizio"
21 maggio 2006
Policlinico Agostino Gemelli, Aula Brasca.



La diagnosi prenatale di condizioni incompatibili con la vita, ci apre sempre più al grande dilemma di come usare la conoscenza scientifica, ma spesso non ci prepara all’accoglienza della disabilità e anche alla sofferenza che l’accompagna, sia del bambino che dovrà nascere, che delle famiglie.
Essa propone il termine di “feto terminale”: propone, cioè, una medicina senza speranza.
Che cosa è la terminalità? Siamo veramente nati per “terminare”, o come dice Hannah Arendt : “Gli esseri umani, sebbene debbano morire, non sono nati per morire, ma per incominciare”?
Sì, pensiamo proprio che siamo nati per incominciare, e questo secondo Meeting vuole esserne una dimostrazione.
Perché esperienziale? Perché se non c’è trasmissione di esperienza tra le famiglie e i medici, assistiamo da una parte a nuove e più grandi solitudini, e dall’altra a più larghe e scontate zone di narcisismo scientifico.
Perché le associazioni? Perché tutti constatiamo che per migliorare l’assistenza medica, l’associazionismo diventa interlocutore e un pungolo politico importante, affinché “la testimonianza diventi servizio”.
Meeting è incontro di esperienze, è un parlare e un parlarsi, perchè il bene prezioso della vita sia difeso e amato, e perché il dolore e la sofferenza vengano leniti dall’accoglienza e dalla professionalità: gli operatori del mondo medico che attuano una medicina condivisa, una medicina che non dice solamente “io ti curo”, ma dice soprattutto: “io mi prendo cura di te”.

Giuseppe Noia
Sabrina e Carlo Paluzzi


PROGRAMMA:
Ore 8,30 - Introduzione e Saluti - Prof. Salvatore Mancuso, Direttore del Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente, Policlinico A. Gemelli, Roma - Dott. Andrea Cambieri, Direttore Sanitario di Presidio, Policlinico A. Gemelli, Roma – Prof. Angelo Serra, Emerito di Genetica Medica, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

Ore 8,50 - “La diagnosi prenatale tra etica e scienza” - Prof. Alessandro Caruso, Direttore dell’Istituto di Clinica Ostetrica e Ginecologica, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

Ore 9,10 - “Chi è il feto terminale?” - Prof. Giuseppe Noia, Docente di Medicina dell’Età Prenatale, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

Ore 9,30 - “Chi è il neonato terminale?” - Dott. Carlo Valerio Bellieni, Neonatologo, Unità di Terapia Intensiva - Policlinico “Le Scotte”, Siena.

Ore 9,50 - “Le problematiche del neonato terminale” - Prof. Costantino Romagnoli, Direttore della Cattedra di Neonatologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

Ore 10,10 - “L’ospedale e la famiglia con feto/neonato terminale” - Dott.ssa Patrizia Papacci, Neonatologa, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

Ore 10,25 - “Bioetica del concetto di “terminalità” - Prof. Antonio Spagnolo, Direttore del Corso di Perfezionamento in Bioetica, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.

Ore 10,45 - Coffee Break.

Ore 11,00 - Carlo e Sabrina Paluzzi, presentano l’Associazione “La Quercia Millenaria”, e la loro testimonianza familiare di “feto terminale”, per grave uropatia ostruttiva.

Ore 11,25 - Testimonianza di Francesca e Alessio Castellano (displasia renale bilaterale).

Ore 11,40 - Testimonianza di Angela e Fabrizio Tiezzi (sindrome polimalformativa).

Ore 11,55 - Associazione “La Strada per l’Arcobaleno”, presentazione del Prof. Antonio Antonellis, Presidente.

Ore 12,10 - Associazione “Genitin Onlus”, presentazione di Franco Sciarretta, Presidente.

Ore 12,25 - Associazione “Mo.Vit”, federato al Movimento per la Vita, degli studenti dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Presentazione di Giuseppe Grande, Presidente.

Ore 12,40 - Associazione “F.A.N.HA.- Famiglie Accoglienti Nascituri Handicappati”, presentazione del Dott. Livio Lucà Trombetta, Presidente.

Ore 12,55 - Momento riservato alle domande dei presenti.

Ore 13,15 - Conclusione e saluti: Prof. Salvatore Mancuso.




I nostri banner

 
 © La Quercia Millenaria 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.6 derivato da ASP-Nuke v1.2
creato da tntlab ottimizzato per internet explorer
RINGRAZIAMENTI

Questa pagina è stata eseguita in 9,899902E-02secondi.
Versione stampabile Versione stampabile
nel nostro sito si parla di gravidanza patologica e cura del feto terminale. i nostri specialisti operano terapia fetale invasiva in gravidanza con patologie fetali; alcune patologie sono agenesia renale, ostruzione renale, displasia polmonare, agenesia polmonare ma anche anencefalia. ci troviamo di fronte a un feto con patologie oppure patologie materno fetali.E' importante il rapporto medico paziente specie con il chirurgo fetale. Al policlinico Gemelli, il prof. Noia,collabora presso centro per i feti terminali. Il nostro centro di aiuto con una rete di famiglie e una rete di specialisti - specialisti in chirurgia, pediatria, psicologia, sostegno della coppia- si occupano anche di aborto terapeutico, spina bifida, feto polimalformato e gravidanza patologica amniocentesi. Seguiamo casi di ipoplasia polmonare, displasia renale ed idronefrosi o anche idrope fetale, gozzo fetale, ernia diaframmatica, piede torto. E' importante diagnosi prenatale, un centro di neonatologia, di pediatria, e urologia, per seguire le malformazioni urinarie, le infezioni delle vie urinarie(nell'uretere, uretra, reni, vescica, in caso di rene displastico oppure ipertono vescicale o fimosi, ipospadia,ma anche di epispadia); altri problemi sono idrocefalia ma anche acrania o anencefalia.Casi frequenti di trap sequence, twin twin transfusion syndrome(detta anche ttt-s o trasfusione feto fetale) e cardiopatia fetale.