Chi siamo     

         
 
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:

 
Presentazione

 

 COME E' NATA L'ASSOCIAZIONE?

Carlo e Sabrina Paluzzi hanno avuto nel 2004 precisa ispirazione a seguito della loro storia di coppia vissuta durante l'attesa del terzo figlio, Giona. Vivendo in prima persona l'esperienza di ricevere una diagnosi infausta, di lottare per la sopravvivenza del proprio figlio, con interventi, infezioni, numerosi ricoveri ospedalieri, hanno maturato l'idea che nessun genitore doveva piu' vivere quel calvario senza una vicinanza di persone che potessero in qualche modo far vedere loro che era possibile vivere tutto cio' senza rimanerne schiacciati, e soprattutto indirizzando le coppie di genitori presso i Centri piu' accreditati per la sequela di gravidanze particolari. A novembre del 2004 hanno sentito la necessita' di scrivere la loro storia, e nel gennaio 2005 hanno creato e finanziato con le loro personali risorse il sito www.laquerciamillenaria.org e chiamandolo "La Quercia Millenaria" in ricordo del nomignolo che fu affidato a Sabrina durante le terapie invasive nella gravidanza. Nel sito fu inserita la storia del loro figlio e vari articoli a carattere bioetico. Subito si sono attivati dei contatti via mail e telefono, richieste di aiuto che Carlo e Sabrina hanno cercato di soddisfare come potevano, chiedendo collaborazione a quegli stessi medici che avevano avuto per il proprio bambino il giusto rispetto. Nel settembre del 2006 i coniugi Paluzzi hanno deciso di trasformare il loro servizio familiare in una Associazione Onlus legalmente riconosciuta coinvolgendo nel loro progetto il prof. Giuseppe Noia il quale vi ha prestato servizio fino a maggio del 2015.

Nel gennaio 2020 l'Associazione La Quercia Millenaria Onlus è stata chiusa. Al momento è attiva una ramificazione Toscana (La Quercia Millenaria Toscana ODV) nell'attesa di altri rami regionali gestiti indipendentemente da alcune famiglie della pregressa associazione.

 

La Quercia Millenaria è un Marchio Registrato presso l'Ufficio

Brevetti e Marchi prot. RM2015C002265  alla Camera di Commercio

 

 

 

 

 

 


I nostri banner

 
 © La Quercia Millenaria 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.6 derivato da ASP-Nuke v1.2
creato da tntlab ottimizzato per internet explorer
RINGRAZIAMENTI

Questa pagina è stata eseguita in 0secondi.
Versione stampabile Versione stampabile
nel nostro sito si parla di gravidanza patologica e cura del feto terminale. i nostri specialisti operano terapia fetale invasiva in gravidanza con patologie fetali; alcune patologie sono agenesia renale, ostruzione renale, displasia polmonare, agenesia polmonare ma anche anencefalia. ci troviamo di fronte a un feto con patologie oppure patologie materno fetali.E' importante il rapporto medico paziente specie con il chirurgo fetale. Al policlinico Gemelli, il prof. Noia,collabora presso centro per i feti terminali. Il nostro centro di aiuto con una rete di famiglie e una rete di specialisti - specialisti in chirurgia, pediatria, psicologia, sostegno della coppia- si occupano anche di aborto terapeutico, spina bifida, feto polimalformato e gravidanza patologica amniocentesi. Seguiamo casi di ipoplasia polmonare, displasia renale ed idronefrosi o anche idrope fetale, gozzo fetale, ernia diaframmatica, piede torto. E' importante diagnosi prenatale, un centro di neonatologia, di pediatria, e urologia, per seguire le malformazioni urinarie, le infezioni delle vie urinarie(nell'uretere, uretra, reni, vescica, in caso di rene displastico oppure ipertono vescicale o fimosi, ipospadia,ma anche di epispadia); altri problemi sono idrocefalia ma anche acrania o anencefalia.Casi frequenti di trap sequence, twin twin transfusion syndrome(detta anche ttt-s o trasfusione feto fetale) e cardiopatia fetale.